Il Comitato Provinciale Arcigay Antinoo di Napoli ONLUS, organizzazione di volontariato, iscritta al registro regionale del volontariato, è “nata“ il 22 ottobre 2005, ma Arcigay è attiva a Napoli dal 1984. L'associazione ha fini solidaristici, di volontariato sociale ed opera con l'azione diretta, spontanea, personale e gratuita dei propri aderenti nel settore della tutela dei diritti civili, della prevenzione e recupero dell'emarginazione, della promozione della cultura e di attività ricreative. Si impegna nella promozione dei diritti delle persone gay, lesbiche, transessuali e transgender contribuendo ad accrescere nella società una visione positiva dell'essere omosessuale o transessuale. Come supporto alla comunità LGBT napoletana svolge i seguenti servizi: Sportello Legale, Telefono Amico, supporto- socio-Psicologico, Sportello Salute, Migranti.

Nella nostra sede, aperta alla partecipazione ed al contributo di tutti e tutte le, puoi trovare il Gruppo Giovani, Gruppo Lesbo, Gruppo Trans, Gruppo Genitori. Per qualsiasi informazione Contattaci.
Ricorda che Arcigay Napoli cresce grazie all'aiuto dei volontari, quindi anche col tuo se vorrai.

Per tesserarsi ad Arcigay Clicca qui.

 

 


Aggiornamenti da Arcigay Nazionale

  • Onda Pride, due tappe per il secondo weekend: domani cortei a Salerno e a Novara

    Bologna, 25 maggio 2018 - Secondo weekend per l'Onda Pride  la grande stagione dell’orgoglio arcobaleno organizzata da Arcigay in rete con le altre associazioni del movimento lgbti.  Domani, sabato 26 maggio, l'onda si sdoppia e mette in calendario due tappe. La prima è inedita ed è il Novara Pride: la parata avrà inizio in piazza Garibaldi (di fronte alla stazione FS) alle 15  e terminerà il suo percorso in piazza Martiri della Libertà, dove si terranno i discorsi finali. La seconda tappa, invece,  è quella del Salerno Pride, articolato in una tre giorni di eventi che culminerà domani sera dalle 19 nella grande parata sul lungomare. "Con il ricordo ancora vivo delle migliaia di persone che hanno affollato le strade di Bergamo la settimana scorsa - commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay - ci prepariamo a portare l'orgoglio della comunità lgbti nelle strade di Novara e Salerno, abbracciando simbolicamente l'intero Stivale, da nord a sud. In particolare, a Novara il nostro orgoglio sarà anche la risposta della nostra comunità a chi, nelle istituzioni, liquida il Pride come l'iniziativa di una minoranza, e su questo argomento fonda il rifiuto di patrocini e adesioni. Vogliamo dirlo ancora una volta: le nostre battaglie scommettono su un cambiamento che è nell'interesse di tutti e tutte. Una società che riconosce diritti, impegnata sui fronti dell'uguaglianza, dell'autodeterminazione, dell'accoglienza è semplicemente una società migliore. Chi non se ne accorge o fa finta di non vedere soffre di una grave miopia politica, che produce visioni asfittiche e retrograde. Saranno i nostri corpi, le nostre relazioni, le nostre famiglie a contraddire questi profeti del pensiero debole. Il nostro orgoglio è un antidoto e una medicina: tutto il Paese, siamo certi, ne gioverà", conclude Piazzoni. Tutte le info su www.ondapride.it
  • Basta tagli alla spesa sulla pelle delle persone con Hiv!

    HIV: protesta degli attivisti a ROMA domani sera, 22 maggio, in occasione dell’apertura del 10° Congresso Nazionale ICAR, Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, che si terrà dal 22 al 24 maggio 2018, presso l’Ergife Palace Hotel. Un’azione diretta è prevista per le ore 20 durante i lavori della prima giornata del summit. La protesta è rivolta contro i tagli al sistema socio-sanitario che mettono a rischio gli standard di cura e assistenza necessari a garantire il diritto alla salute delle persone con HIV. A partire dalle 19.50 sarà possibile seguire l’azione diretta degli attivisti sulla pagina Facebook delle associazioni dove, dalla stessa ora, sarà disponibile anche il comunicato stampa congiunto con le dichiarazioni dei protagonisti dell’iniziativa. Questo il link per accedere alla diretta: https://www.facebook.com/communityICAR/ Contatti in loco (ICAR/ROMA): Filippo von Schloesser, Presidente Nadir Onlus – Mob: +393355244202, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Massimo Oldrini, Presidente LILA – Mob: +393666649831, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sandro Mattioli, Presidente Plus Onlus – Mob: +393404863712, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Margherita Errico, Presidente NPS Italia Onlus – Mob: +393462368858, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. In rappresentanza di: ANLAIDS, ARCIGAY - Associazione LGBT Italiana, CIRCOLO MARIO MIELI, LILA Onlus - Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids, NADIR Onlus, NPS Italia Onlus, Plus Onlus
  • ONDA PRIDE, PARTE DA BERGAMO LA STAGIONE DELL’ORGOGLIO ARCOBALENO

    ONDA PRIDE, PARTE DA BERGAMO LA STAGIONE DELL'ORGOGLIO ARCOBALENO 
     
    Bologna, 18 maggio 2018 – Prende il via domani da Bergamo l’Onda Pride, la grande stagione dell’orgoglio arcobaleno organizzata da Arcigay in rete con le altre associazioni del movimento lgbti. Ventotto i cortei che quest’anno attraverseranno lo Stivale, quattro in più rispetto allo scorso anno e con numerose "prime volte":  innanzitutto l'Onda Pride arriverà quest'anno per la prima volta in Molise, a Campobasso per l'esattezza, ma saranno battesimi anche quelli di Novara, Pompei, Siena, Ostia, Salerno, Trento. Anche il primo primo pride della stagione  è nella lista degli inediti: appuntamento domani a Bergamo alle 14 in piazzale della Malpensata, dov'è previsto il concentramento del corteo che da lì raggiungerà piazza Matteotti. Slogan della manifestazione: "Educare alle differenze per combattere l'odio. Giù la maschera!". Il calendario dell'Onda Pride prosegue serrato già dal weekend successivo: il 26 maggio appuntamento con altre due "prime volte", quelle del Salerno Pride e del Novara Pride. Si prosegue il 9 giugno con tre parate dell'orgoglio, il Roma Pride, il Pavia Pride e il debutto a Trento del Dolomiti Pride. Il 16 giugno, poi, è in programma una grande giornata dell'orgoglio arcobaleno: sono ben 8 infatti i cortei in programma, a Torino, Caserta,Varese, Mantova, Siracusa, Genova, Barletta e Siena. Il 23 giugno toccherà al Catania Pride, mentre il 30 giugno sarà la volta di Milano, Palermo, Perugia, Pompei, Padova. Tre appuntamenti per il 7 luglio con il Bologna Pride,  il Piemonte Pride a Alba e il Sardegna Pride a Cagliari, e altri due cortei sono in programma il 14 luglio, a Napoli e Ostia. Il 28 luglio l'Onda Pride farà tappa per la prima volta in Molise, a Campobasso, e contemporaneamente sfilerà per il terzo anno sulla riviera romagnola con il Rimini Summer Pride. Infine, anche per quest'anno l'onda arcobaleno chiude la sua corsa in Puglia con il Salento Pride di Gallipoli.
    "In un Paese in piena paralisi politica - dichiara Gabriele Piazzoni, segretario nazionale Arcigay - in cui la questione diritti scivola costantemente in fondo alla lista degli impegni dei governi e dei partiti, sono strade e piazze i luoghi in cui ribadire e denunciare l'insufficienza delle politiche di inclusione delle differenze e di contrasto alle discriminazioni di gay, lesbiche, bisessuali e trans. Quest'anno l'Onda Pride è stata preceduta da una sorta di gara al ribasso tra sindaci di diversi colori politici, che negando patrocini e adesioni alle nostre manifestazioni hanno dato dimostrazione tangibile dell'arretratezza della nostra classe politica. L'orizzonte della piena uguaglianza pare non interessare questi amministratori, perciò è ancora più importante quest'anno portare nelle strade una mobilitazione fragorosa, piena di persone orgogliose e determinate, perché dalle strade deve ripartire la richiesta di diritti civili e social, più forte di qualsiasi opposizione, ostacolo o codardia. Appuntamento allora domani a Bergamo e da lì in tutte le altre 26 città di questa lunga stagione dell'orgoglio. La nostra onda è forte, impossibile fermarla", conclude Piazzoni.
f t g