Il Comitato Provinciale Arcigay Antinoo di Napoli ONLUS, organizzazione di volontariato, iscritta al registro regionale del volontariato, è “nata“ il 22 ottobre 2005, ma Arcigay è attiva a Napoli dal 1984. L'associazione ha fini solidaristici, di volontariato sociale ed opera con l'azione diretta, spontanea, personale e gratuita dei propri aderenti nel settore della tutela dei diritti civili, della prevenzione e recupero dell'emarginazione, della promozione della cultura e di attività ricreative. Si impegna nella promozione dei diritti delle persone gay, lesbiche, transessuali e transgender contribuendo ad accrescere nella società una visione positiva dell'essere omosessuale o transessuale. Come supporto alla comunità LGBT napoletana svolge i seguenti servizi: Sportello Legale, Telefono Amico, supporto- socio-Psicologico, Sportello Salute, Migranti.

Nella nostra sede, aperta alla partecipazione ed al contributo di tutti e tutte le, puoi trovare il Gruppo Giovani, Gruppo Lesbo, Gruppo Trans, Gruppo Genitori. Per qualsiasi informazione Contattaci.
Ricorda che Arcigay Napoli cresce grazie all'aiuto dei volontari, quindi anche col tuo se vorrai.

Per tesserarsi ad Arcigay Clicca qui.

 

 


Aggiornamenti da Arcigay Nazionale

  • Onda Pride, domani cortei a Ostia e Napoli. Arcigay: “Uniamo la nostra mobilitazione alla lotta contro le mafie”

    Bologna, 6 luglio 2018 -   Ottavo weekend per l'Onda Pride, la grande mobilitazione dell’orgoglio arcobaleno organizzata da Arcigay in rete con le altre associazioni del movimento lgbti.   Due gli appuntamenti messi in calendario per domani: conto alla rovescia esaurito per il Mediterranean Pride of Naples che dà appuntamento alle 16,30 in piazza Dante a Napoli. Domani sfilerà anche il corteo del Lazio Pride, che avrà luogo a Ostia e partirà alle 17 dalla stazione Lido Centro. Le due manifestazioni hanno siglato nei giorni scorsi un gemellaggio  fissando l'obbiettivo comune del sostegno alla lotta contro le mafie. Al Lazio Pride interverrà Federica Angeli, giornalista antimafia che oggi vive sotto scorta, mentre a Napoli il corteo avrà come testimonial  Maria Esposito, madre del giovane Vincenzo Ruggiero, barbaramente ucciso circa un anno fa. "L'Onda Pride con i suoi 28 appuntamenti - commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay - assume sempre di più i connotati di una grande mobilitazione intersezionale, in grado di tenere assieme la battaglia per i diritti delle persone lgbti con tutte le altre lotte che riguardano i diritti violati, il contrasto alla violenza, l'autodeterminazione, la giustizia sociale, la piena uguaglianza. Con orgoglio quindi sfileremo nelle strade di Napoli e Ostia e invitiamo quante più persone a raggiungere queste città, per far sentire forte il sostegno a queste battaglie. Così costruiamo reti e connettiamo tessuti sociali, a dispetto di chi ci vorrebbe deboli e frammentati", conclude.   Info su www.ondapride.it.
  • Onda Pride, cortei in rosso a Bologna, Alba e Cagliari. Arcigay: “Per i diritti di tutti e contro l’emorragia di umanità”

    Bologna, 6 luglio 2018 -   Weekend numero sette per l'Onda Pride, la grande mobilitazione dell’orgoglio arcobaleno organizzata da Arcigay in rete con le altre associazioni del movimento lgbti.   Domani  l'Onda arcobaleno si tingerà di rosso, per aderire all'appello promosso da Libera, Arci, Anpi e Legambiente contro le politiche  razziste  di immigrazione del nostro Paese. "L'Onda Pride - spiega Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay - in questo weekend in particolare, sottolinea il suo essere luogo di alleanze. La battaglia per i diritti, che quest'anno portiamo nelle strade e nelle piazze con 28 cortei, è una battaglia che non lascia indietro nessuno: per questo rilanciamo l'invito a portare indumenti rossi in manifestazione, per accendere i riflettori su quella che Don Ciotti ha definito l'emorragia di umanità che è in corso nel nostro Paese. Vestiremo di rosso per metterci nei panni di chi attraversa il mare in cerca di accoglienza, per gridare che quell'accoglienza è un diritto per loro e un dovere per noi". Tre le città che domani scenderanno in piazza: appuntamento alle 15 ai Giardini Margherita con il Bologna Pride, che partirà poi alle 16,30 per conquistare le Torri e rientrare ai Giardini Margherita. Concentramento fissato  invece alle 16,30 in piazza Garibaldi  per l'Alba Pride: la parata si muoverà alle 17,30 e alle 18,30 raggiungerà piazzale Beausoleil. Infine, appuntamento alle 18 in via Sant'Alenixedda a Cagliari con il Sardegna Pride, che ha fissato il suo approdo in Largo Carlo Felice. Info su www.ondapride.it.
  • Onda Pride, domani cortei a Milano, Perugia, Pompei e Padova. Arcigay: “In piazza contro chi specula sulle vite dei più deboli”

    Bologna, 29 giugno 2018 - Weekend numero sei per l'Onda Pride, la grande mobilitazione dell’orgoglio arcobaleno organizzata da Arcigay in rete con le altre associazioni del movimento lgbti.   Domani saranno quattro le città che verranno attraversate dai cortei lgbti, rafforzati dalla corrispondenza con l'anniversario dei moti di Stonewall che ebbero luogo il 28 giugno del 1969 e che diedero il via alla pratica dei pride. Il Milano Pride dà appuntamento alle 15 in piazza Duca d'Aosta. per poi partire alle 16 e muoversi in direzione di Porta Venezia, dove sarà allestito il palco per i discorsi delle istituzioni e delle associazioni ( www.milanopride.it ). Partirà invece alle 15 da piazza Grimana il Perugia Pride, che attraverserà la città percorrendo via Pinturicchio, Porta Pesa, via XIV Settembre, Tre Archi, via Marconi, via Masi, viale Indipendenza, piazza Italia fino a raggiungere i Giardini Carducci (www.perugiapride.it). Esordio arcobaleno domani per il Pompei Pride, che festeggerà la sua prima volta a partire dalle 15 in piazza Falcone e Borsellino ( www.facebook.com/Coordinamento-Campania-Rainbow-186339941424110/). Infine, appuntamento alle 15 al Prato della Valle con il Padova Pride, che attraverserà la città per approdare al piazzale Boschetti ( www.padovapride.it ). "Ancora una volta attraversiamo lo stivale con l'onda del nostro orgoglio - commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay - che è un orgoglio ostinato e  resistente, che oggi più che mai si trova a dover reagire all'avanzate delle forze neofasciste e di chi pratica l'oppressione, delle persone lgbti ma anche dei migranti, dei poveri e di chi non si allinea a una cultura dominante. Questo il senso che attraversa le quattro parate, e in particolare a Perugia è emblematica la vicenda del piccolo Joan, figlio di due mamme sulla cui pelle il sindaco Andrea Romizi sta giocando una partita ignobile facendo precipitare la città in una stagione buia, rispetto alla quale solo l'impegno e la tenacia degli attivisti rappresenta la possibilità di un antidoto. Non si possono calpestare i diritti di quel minore, a lungo lasciato senza un'identità riconosciuta, per il capriccio del primo cittadino di esprimere in quella vicenda il proprio posizionamento ideologico, a dispetto dei pronunciamenti dei tribunali e delle Alte corti. In questo senso, trasmettiamo tutto il nostro sostegno al piccolo e alla sua famiglia, a cui è dedicata la parata di domani nel capoluogo umbro", conclude Piazzoni. Info su www.ondapride.it.
f t g