napoli

  •  
     
     
    Un video per celebrare l'amore in tutte le sue forme, che risponde con la musica e la bellezza all'odio e alle discriminazioni: questo è quanto realizzato in un video a tematica LGBT dal Quartetto Core, un quartetto d'archi formato da quattro giovani musicisti partenopei.
  •  

    Giovedì 30 novembre 2017


    ore 18.30

                             

  •  

    FUORISCENA

    di Fortunato Calvino
    Interpreti Gino Rivieccio, Antonella Morea
    regia Fortunato Calvino
    scenografia Vittorio Barresi
    costumi Sandra Banco
    Disegno Luci Renato Esposito
    Ass.te alla regia Pina Strazzullo 
    Produzione Albertina Produzioni srl

    Teatro Nuovo
    20 giugno ore 21.30
    21 giugno ore 19.00

     

  •  

     

    Nuovo Teatro Sanità 

    piazzetta San Vincenzo - Rione Sanità, Napoli

    26, 27, 28 gennaio

     

    GLAM CITY

    dal romanzo di Domenico Trischitta

    con Silvio Laviano

    regia di Nicola Alberto Orofino

  • L’araba felice

    Alla Galleria Borbonica doppio concerto straordinario

    di Gennaro Cosmo Parlato

    Sabato 13 gennaio - ore 20 e ore 22

  • CASA DELLA MUSICA

    8 NOVEMBRE - ORE 21

    GEPPETTO E GEPPETTO

    scritto e diretto da Tindaro Granata

    con Alessia Bellotto, Angelo Di Genio, Tindaro Granata, Carlo Guasconi, Paolo Li Volsi, Lucia Rea, Roberta Rosignoli

    PREMI VINTI: Premio UBU 2016 • Premio Hystrio Twister 2017 • Premio Nazionale Franco Enriquez 2017 • Premio ANCT 2016

  • Giovedì 10 maggio 2018 
    ore 18.30 
    Chiaja Hotel de Charme - Via Chiaia 216 - Napoli 

    POETE’ 
    ARMIAMOCI D’AMORE 

    Presenta 

    Il dramma dell’ultimo Virgilio
    di Sandro De Fazi
    (edizioni Saecula)

  •  

    Nuovo Teatro Sanità

    6 e 7 ottobre

    LA SIRENA DI NEW YORK

    Vita e mito di Gilda Mignonette

    testi di Alessio Arena tratti dal romanzo La notte non vuole venire (Fandango Libri)

    con Cristina Donadio e Alessio Arena (voce e chitarra), Arcangelo Michele Caso (primo violoncello), Giovanni Sanarico (secondo violoncello)

    elaborazioni musicali Arcangelo Michele Caso

  • Nuovo Teatro Sanità

    presenta

    3, 4, 5 novembre

    presso Nuovo Teatro Sanità

    Smiley
    Una storia d'amore

  • Mercoledì 17 Maggio

    ore 18.00

    Spazio Laterzagorà - Teatro Bellini

    via Conte di Ruvo 14

  •  

    "...Vi faremo credere che il crocifisso è Conchita Wurst che fa l’aeroplano. Riscriveremo i testi sacri, tutti. Per i musulmani,
    non ci saranno più le settantadue vergini ad aspettare i guerrieri della jihad in paradiso, ma altrettanti go-go boys. Eva non sarà più nata da una costola di Adamo, ma da un orecchino di Vladimir Luxuria. Dio non ha mai distrutto Sodoma, ha solo ristrutturato il privé. I buddisti della Soga Gakkai non reciteranno più “nam myoho renge kyo”, ma balleranno con fomento YMCA..."

  • Mercoledì 9 maggio 2018

    ore 18

    Villa Savonarola 

    Corso Garibaldi, 205 - Portici

    Presentazione del libro "Oggi Spose - una storia d'amore e di coraggio" di Maria Cristina Orga

     

  • DIVERSI AMORI

    Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e MATER s.r.l.

    presentano quattro incontri/spettacolo sull’eros nel mondo greco e romano condotti da Massimo Andrei 

    « AMORE, AMORE, AMORE. Quanti tipi di amori, quante manifestazioni del sentimento amoroso, quanto benessere o malessere… In quanti modi è stato raffigurato, raccontato, cantato… Tutto quanto ha a che vedere con il desiderio e con la sua soddisfazione, l’innamoramento, l’intrattenimento amoroso… Ma, più precisamente, tratteremo di “diversi amori”… »

    Ermafrodito, o dell’androginia
    7 ottobre, ore 17

    Amori tra uomini
    14 ottobre, ore 17

    Amori tra donne. I fanciulli e l’amore
    21 ottobre, ore 17

    Licenziosi rituali, intrecci bestiali e altro ancora
    28 ottobre, ore 17

  •  

     

    NUOVO TEATRO SANITA'

    19, 20, 21 OTTOBRE


    PATROCLO E ACHILLE


    di Fabio Casano


    con

    Achille - Giampiero De Concilio
    Patroclo - Alessandro Palladino

    costumi Alessandra Gaudioso

    scenografia a cura degli allievi di Professione Teatro
    disegno luci Alessandro Messina
    assistente alla regia Sonia Ricco
    aiuto regia Antonio Somma
    organizzazione generale Roberta De Pasquale

    regia Gennaro Maresca

    produzione B.E.A.T. Teatro

     

     

    Venerdì 19 ottobre ore 21, debutta sul palco del Nuovo Teatro Sanità, “Patroclo e Achille”, lo spettacolo rientra nel progetto Circle Festival, realizzato con il sostegno di MIBAC e SIAE, nell'ambito dell'iniziativa “Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura”. Il lavoro teatrale della compagnia B.E.A.T. Teatro è scritto da Fabio Casano, diretto da Gennaro Maresca, in scena Giampiero De Concilio e Alessandro PalladinoLa nuova drammaturgia di Casano presenta i personaggi, al di là del mito, come due giovani uomini immersi nei loro pensieri e nelle loro paure, sullo sfondo della guerra. Repliche, sabato 20 ottobre ore 21 e domenica 21 ottobre ore 18. Info e prenotazioni al 3396666426 oppure all'indirizzo e-mail info@nuovoteatrosanita.it. Il costo del biglietto per gli spettacoli di Circle Festival è di 5 euro.
     
    Tra il rumore devastante della guerra e l'immensità del cielo, sulle spiagge di Troia, nasce intimo, nel silenzio di una tenda, il dialogo incessante tra due compagni d'armi: Patroclo e Achille. Il quadro drammaturgico concentra il racconto in un solo giorno, quello in cui Patroclo sceglie di andare in guerra. La sua determinazione lo porterà ad insinuarsi nella psiche dell'amico Achille, un’anima sensibile dall'irrompente presenza. Dopo nove anni di battaglia, la fragilità mentale ed emotiva prende il sopravvento. Tra i due si innesca un dialogo scorretto dove vince chi mostra più debolezze. Si fanno strada, sempre di più, dubbi e domande, quelle di un amore nato quasi dal bisogno della guerra, dalla rabbia e dal tempo che passa.

    «Dalla prima battuta - "impara qual è il ritmo che governa gli uomini" - comincia una sorta di flusso di coscienza che ci fa assistere al momento "mitico" della vita di Patroclo e Achille», spiega il regista Gennaro Maresca che continua: «Lo spettacolo si muove in tutte le dimensioni del tempo e dello spazio, indaga la sfera esistenziale applicabile a diverse ere dell'uomo; la scintilla è quella vicenda e quel mondo lontano del racconto di Omero, in equilibrio tra l'arcaico e il contemporaneo, tra poesia e concretezza. Si vuole scoprire quanta voce porta con sé quel mondo e quante vibrazioni ancora produce, pur inventando una storia che di quel mondo vuole svelare il non detto, quella notte in cui, in tenda, Patroclo e Achille sono rimasti soli».

     

    Costo del biglietto: 5 euro
    Info e prenotazioni:
    3396666426
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Programmazione:
    venerdì 19 ottobre, ore 21.00
    sabato 20 ottobre, ore 21.00
    domenica 21 ottobre, ore 18.00

    Nuovo Teatro Sanità, piazzetta San Vincenzo, Rione Sanità – Napoli

  •  

    Sabato 2 dicembre 2017


    ore 18.30

                             

    Chiaja Hotel de Charme

    Via Chiaia 216 - Napoli

     

  •  

  •  
    Teatro Piccolo Bellini
    dal 7 al 12 novembre 
     
    CHIROMANTICA ODE TELEFONICA AGLI ABBANDONATI AMORI 
     
     
    di e con Roberto Solofria e Sergio Del Prete
  •  

  • L’umorismo sanremese, nel corso della seconda serata, è stato affidato al Mago Forest che, probabilmente a corto di brillantezza, ha deciso di dare prova di sessismo e maschilismo condito della consueta e drammatica transfobia.

    Il comico, salito sul palco del Teatro Ariston - evocando una sorta di roulette russa umana - ha esordito dicendo “Di solito noi prendiamo cinque trans e una donna vera, lo sfigato che perde si cucca la donna vera, perché non vieni anche tu Claudio?”.
    Questa battuta - e l’intero sketch esplicitamente sessista - ha provocato una giusta ondata di riprovazione sui social.

    A tal proposito, Daniela Lourdes Falanga, delegata di Arcigay Napoli alle politiche trans e presidente di Arcigay Vesuvio Rainbow, ha dichiarato: “Essere donne o uomini non è un’ambizione né una peculiarità cromosomica, ma una caratteristica della mente che genera fantasie, speranze e rappresentazioni che lega all’uno o all’altro genere. Le donne sono donne quindi e non si distinguono, come ha ironizzato il Mago Forrest, in vere e false, ma si connaturano all’espressione dell’intelletto.
    Usare a sproposito, e in un contenitore televisivo quale quello di Sanremo, il dolore e il coraggio delle persone trans per generare comicità, è una negazione di quei principi racchiusi negli inalienabili diritti umani che preservano l’umanità da qualsiasi tipo di sopruso. Bisogna smetterla con questa irresponsabilità. Questo tipo di azioni sono vergognose e manifestano ignoranza.”

    “Le persone lgbt - aggiunge Claudio Finelli delegato cultura di Arcigay - sono vittime di quotidiane discriminazionI, anche apparentemente ‘innocue’ che ne trasformano l’esistenza in una via crucis di piccole e grandi mortificazioni”

    Proprio oggi, Arcigay Napoli ha raccolto la segnalazione di un tipico caso di discriminazione legata all’identità di genere. La vittima è una giovane associata gender-fluid  che voleva acquistare una felpa nel reparto maschile dello store Alcott di Via Toledo a Napoli. Uno store che propone i suoi capi d’abbigliamento a un’utenza giovane e che, dunque, dovrebbe intercettare più facilmente le esigenze di giovani generazioni che si vogliono liberare delle gabbie di genere e degli stereotipi comportamentali.

    La giovane è stata mortificata dalla commessa che le ha imposto di misurarsi la felpa nei camerini del reparto donna, nonostante fossero collocati ad un altro piano.

    Il siparietto televisivo del Mago Forest e quanto accaduto in un negozio del centro di Napoli sono collegati da un filo rosso che bisogna assolutamente recidere, un filo rosso che ci racconta di quanta omotransfobia e di quanti pregiudizi legati all’identità di genere sia ancora pregna la nostra società e di quante piccole e continue mortificazioni debbano subire le persone lgbt, sia nella rappresentazione mediatica che durante un semplice momento di svago, come quello dello shopping.

f t g