Migranti

Questo venerdì siamo liet* di ospitare l'equipe di Casa Caterina del Mit (Movimento Identità Trans) e la Cooperativa Sociale Cidas, per un incontro sull'accoglienza delle persone trans richiedenti asilo e rifugiate.


Sarà un momento di analisi sulle difficili dinamiche che coinvolgono le persone LGBT+ migranti e di confronto per le volontarie e i volontari dello sportello Migrantinoo, per il Gruppo Giovani, Gruppo Over e per l'associazione tutta.
Da non perdere assolutamente. 

1 febbraio 2019, ore 17:00, presso la sede di Arcigay Napoli, in vico San Geronimo n° 17.

Ogni Sabato dalle 11:00 alle 13:00 presso la sede di vico San Geronimo 17.  

Per maggiori informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il servizio telefonico per persone migranti che vivono in condizioni di disagio e/ o di discriminazione sarà attivo dal giorno 1 settembre.

Sarà possibile contattare esclusivamente attraverso SMS e messaggi whatsapp il seguente numero:

+393755844245

Migrare, non è reato. Accogliere, non è reato. Povertà, non è reato. Solidarietà, non è reato. Dissenso, non è reato”. L’appello per la manifestazione nazionale contro il razzismo a Roma il 21 ottobre prossimo è anche il manifesto per un Paese diverso, che sia innanzitutto inclusivo

Per queste ragioni Arcigay Napoli, dopo aver aderito alla campagna di " Ero Straniero", la raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare che punta a superare la legge Bossi-Fini, aderisce e parteciperà alla manifestazione nazionale " Non è reato ", a Roma sabato 21 ottobre, per dire basta ad ogni forma di razzismo, per lo Ius Soli, per i corridoi umanitari e contro le leggi discriminatorie vigenti nel nostro Paese. 

Anche tra le persone LGBT, alimentate da false paure e da tanta disinformazione, dilagano in Europa e in Italia, razzismo e islamofobia. Emblematico il caso di Alice Weidel, leader del movimento di estrema destra, xenofobo e razzista, Alternativa per la Germania, che ha riportato, per la prima volta dalla fine seconda guerra mondiale, esponenti dell'estrema destra nel Parlamento tedesco. Alice, lesbica, unita civilmente con una cittadina svizzera di origine cingalese, ha più volte pubblicamente sostenuto che il maggior pericolo per le persone LGBT è rappresentato dai migranti musulmani. 

Per questo saremo in piazza sabato a Roma, perché vi sia una informazione corretta nel nostro Paese, perché l'estensione del diritto non riguarda mai solo il singolo o una singola comunità di persone, per costruire insieme una Italia inclusiva, che non ha paura delle diversità, qualsiasi esse siano. 

per info partenze da Napoli: 3922468663/0815528815

manifesto politico, info manifestazione su: http://arci.it/blog/immigrazione/archivio/appelli/manifestazione-nazionale-roma-il-21-ottobre-dalle-1430-piazza-della-repubblica/

adesioni al 17 ottobre: images/Adesioni_al_17_ottobre.doc

 

Arcigay Napoli avvisa che fino al giorno 22 giugno 2017, inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con i propri dettagli di contatto e motivazione, è possibile iscriversi GRATUITAMENTE al percorso di formazione intensiva di 20 ore che inizierà nel mese di Luglio, realizzata da esperti di fama, dedicata a volontari e operatori del terzo settore e delle pubbliche amministrazioni con particolare riguardo a chi opera a contatto con i migranti. I posti a disposizione sono 30.

Alla sessione di formazione saranno affiancati, su richiesta dei partecipanti n° 3 seminari di approfondimento. Verrà rilasciato regolare attestato.

La formazione è realizzata nell'ambito del Progetto NetWork Anti-discriminazione di cui Arcigay è partner. info http://www.networkantidiscriminazione.it

Ribadiamo il nostro sostegno alle comunità migranti e ad un diritto sacrosanto a una accoglienza umana e dignitosa, ribadiamo inoltre il sostegno a reti e alle unioni di persone perché vengano garanti i diritti inviolabili della persona, perché siano garantite le condizioni necessarie alla libera circolazione dei popoli.

Tuttavia le modalità con le quali è stata gestita la rete #iosonocometeaccoglimi ci inducono a dover fare una profonda riflessione e ad uscire formalmente dalla rete stessa un attimo dopo il termine della manifestazione di Piazza Municipio del 24 ottobre, manifestazione fortemente sostenuta dal Comune di Napoli e dal Sindaco, Luigi de Magistris, ancora una volta vicino a tutte quelle persone e a quelle comunità che rivendicano il sacrosanto diritto alla felicità.

Rimaniamo nella rete quindi,  fino alla manifestazione del 24 ottobre, per senso di responsabilità nei confronti soprattutto delle comunità migranti. 
Non abbiamo bisogno del palco, e di palcoscenici, da sempre abituati a stare in prima linea per rivendicare i nostri diritti e quelli degli altri, e rinunceremo pertanto al nostro tempo di intervento per darlo alle amiche e agli amici migranti, veri, unici e assoluti protagonisti della giornata del 24.

Siamo inoltre convinti che serva, a maggior ragione, una rete ancor più estesa e partecipata, che sappia rispettare le differenze di ciascuno di noi, rete ancor più ampia a partire proprio dalla sua piattaforma politica.
Una piattaforma che deve tenere dentro tutte le forme di discriminazione e di odio, che sappia dire no al razzismo, ma che sappia dire no alla misoginia e all'omotransfobia profondamente radicate nelle culture di paesi, vedi ad esempio Afganistan o Iraq, dove tutt'oggi è consentita la condanna a morte solo perché omosessuali e dove il ruolo sociale e politico delle donne è violentemente mortificato dal poter maschilista e sessista.

Con l’uscita della Chiesa Valdese - con la quale abbiamo condiviso un percorso talmente importante, tanto che i ragazzi di Terzigno sono ospiti della chiesa stessa - anche noi, con profondo dispiacere, lascieremo, all'indomani della manifestazione del 24, la rete #iosonocometeaccoglimi, nella speranza che questo possa permettere un ampio dibattito cittadino sulle modalità di gestione degli spazi democratici, sulle modalità cone le quali si rispetta la partecipazione reale di tutte e di tutti.

Non abbandoniamo tuttavia l’idea di una rete laica a sostegno di una accoglienza umana e dignitosa, che comprenda soggetti di cultura diverse, di religioni diverse, per una pluralità che può solo far bene ai diritti e al benessere degli amici e delle amiche migranti.

Intendiamo contribuire alla costruzione, da subito, di tutte quelle reti, di quei percorsi, che sappiano garantire, giorno per giorno, la propria democrazia interna, che sappiano garantire una serena partecipazione critica di tutte le soggettività, e soprattutto sappiano contrastare efficacemente tutte le forme di odio e di razzismo, insomma auspichiamo una rete che sia in realtà una barriera forte, un fronte laico unitario, i cui protagonisti siano soprattutto le persone che rivendicano diritti e felicità.

Ufficio Stampa
Comitato Arcigay Antinoo di Napoli
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
protestaprefettura

arcipartita

Torneo di calcetto contro l'omofobia e contro il razzismo con l'Assessore allo sport del Comune di Napoli, Ciro Borriello.

5 gosto 2015
Protesta davanti alla Prefettura di Napoli
insieme ai migranti allontanati dalla struttura di accoglienza di Terzigno e successivamente
accolti dalla Chiesa Valdese.



f t g